Altri Ambiti

Consulenza psicologica
Sostegno psicologico
Blocco della performance
Problemi invalidanti
Crescita personale
Potenziamento (Empowerment)
Problemi di coppia

Blocco della performance

A chi non è mai capitato di avere paura di una prova? Un esame, un colloquio di lavoro, un nuovo impegno lavorativo, un incontro con una persona sconosciuta… di fronte a tutte queste situazioni della vita quotidiana, può capitare di sentirsi spaventati e di ritrovarsi letteralmente paralizzati dal timore del fallimento.

Alcuni, quando si trovano in una situazione del genere, sviluppano la cosiddetta ansia da prestazione, anche chiamata blocco della performance e arrivano al punto di evitare quella specifica prova e tutte le successive. Vedono di fronte a sé un muro insormontabile e invece che cercare di scalarlo, si tirano indietro. La paura di perdere, li induce a ritirarsi senza nemmeno provarci, a rinunciare del tutto.

blocco della performance ansia da prestazione psicologo roma eur

I vari tipi di blocco della performance

Esistono tanti tipi di blocco della performance. Vediamone alcuni insieme:

Blocco del perfezionista

Il blocco del perfezionista si realizza quando la persona cerca sempre di fare di più, di superare l’asticella, di andare oltre il limite prefissato, in poche parole quando è animata da un eccesso di perfezionismo.

La perfezione, infatti, non esiste. Esiste soltanto l’eccellenza.

Cercare sempre di spingersi oltre significa non arrivare mai. Si finisce con l’arrestare il proprio percorso, arrivare a un blocco della performance a causa del timore di non essere all’altezza.

Blocco dello studente

Esiste anche il cosiddetto blocco dello studente. Si ha quando la persona studia tantissimo, si prepara al massimo delle proprie possibilità eppure non riesce a presentarsi all’esame, sfugge la prova nel timore di essere bocciato, di fallire. Naturalmente, questo incide sull’autostima, sul senso di autoefficacia e sulla voglia di continuare a studiare.

Così, spesso lo studente si ritrova a non riuscire a concentrarsi, a memorizzare i contenuti e di conseguenza non si sente mai pronto per la prova che deve affrontare.

Demotivazione, frustrazione e pensieri fallimentari accompagnano questo tipo di blocco.

Paura di parlare in pubblico

Un forma particolare di blocco della performance, piuttosto comune, è quella sperimentata da chi ha paura di parlare in pubblico. Si manifesta una forte ansia, scatenata dal timore di sbagliare o di venir giudicati dal nostro uditorio.

Gli effetti che si sperimentano, forse, li conosciamo tutti: rossore, tremolio della voce, sudorazione profusa, vuoto o blocco mentale.

L’oratore è convinto che chi lo ascolta si accorga di tutto questo e finisce col bloccarsi.

Blocco della performance nella sfera emotiva e sessuale

L’ansia da prestazione nell’ambito sessuale colpisce sia uomini che donne.

Il blocco dipende dal fatto che lui o lei conferisce alla prestazione un’enorme valenza e teme di fallire, di deludere l’altro e di esserne giudicato in base alla sua defaillance.

Questo tipo di pensieri e convinzioni, però, ci inibiscono e impediscono di vivere serenamente e con appagamento il rapporto.

 Superare l’ansia da prestazione

Crescere vuol dire affrontare una prova, nel bene come nel male. Ma il nostro senso di autoefficacia aumenta soltanto se le sfide che riteniamo importanti vengono superate. In tutte queste situazioni in cui la paura ci spinge a evitare il problema, il risultato che si ottiene è quello di rafforzare la nostra convinzione che non siamo efficaci, che non siamo abbastanza bravi.

La soluzione che viene messa in atto, quella della fuga di fronte alla prova che siamo chiamati ad affrontare, diventa il problema stesso. Per questo è necessario trovare altre strategie da mettere in atto per superare le proprie paure.