rinunciare per paura di fallire psicologo psicoterapeuta roma eur torrino online

Paura di fallire: come smettere di rinunciare per timore del fallimento

Rinunciare per paura di fallire: a chi non è mai capitato?

Hai un’idea, inizi a darle forma e poi, sfiduciato, la lascia a metà.

Magari non ti è successo soltanto una volta. Magari ti è capitato spesso, in tante situazioni diverse… con la palestra, con la dieta, con un corso di studi. Hai cominciato e poi niente, ti sei arreso.

A tutti succede di incontrare persone che fanno della rinuncia quasi uno schema ricorrente. Quando entriamo in contatto con queste persone, succede che avvertiamo una certa dose di frustrazione o di rabbia.

Penso per esempio a una madre che si trova a che fare con il figlio che ha raggiunto i trent’anni e non ha trovato la sua strada perché, magari, continua a passare da una cosa all’altra, da un lavoro all’altro o peggio, ha rinunciato talmente tante volte, gettando la spugna, che adesso si trova a casa a non fare niente di produttivo.

Rinuncia e autostima: un legame profondo

Quello della rinuncia è un problema vero e molto serio.

Come abbiamo già detto in alcuni articoli, se l’autostima si esercita e si rafforza attraverso le sfide che affrontiamo, attraverso gli ostacoli che ci troviamo davanti nel momento in cui decidiamo di uscire di casa e quindi dalla nostra comfort zone, è evidente che quando evito e non faccio, la mia autostima si abbassa.

Ti invito a leggere questo articolo sulla bassa autostima, perché i temi della rinuncia e dell’autostima sono strettamente collegati, in diversi ambiti.

rinunciare per paura di fallire come guarire come superare il timore psicologo psicoterapeuta roma eur

Immagine di freepik

Timore del fallimento e amore: difficoltà nelle relazioni di coppia

Penso, per esempio, all’amore e alle relazioni di coppia.

Le persone che tendono a rinunciare e a non mettersi in gioco per timore del fallimento, quando entrano in relazione con qualcuno, non hanno altro a cui aggrapparsi se non l’oggetto d’amore, il proprio partner.

Questo è molto pericoloso.

Se, infatti, l’altro ci lascia o ci abbandona – per i più svariati motivi – veniamo privati della nostra unica ragione di vita, non ci rimane nulla. Una sana vita di coppia dovrebbe prevedere il mantenimento della differenza individuale e soprattutto la presenza di un mondo di interessi che vanno al di là dell’amato, che comunque ha la sua importanza e priorità.

Perché ho paura di fallire?

Fatte queste premesse, vorrei entrare nel vivo del tema e spiegarti perché alcune persone hanno così tanta paura di non riuscire che non tentano neppure, negandosi la possibilità di provare.

Mi viene in mente il caso di un paziente, Antonio, arrivato nel mio studio di psicoterapeuta all’Eur proprio per questo tipo di problema.

Antonio aveva 23 anni, era un ragazzo di grande intelligenza e aveva da poco lasciato la facoltà di Ingegneria, dopo aver sostenuto diversi esami.

Aveva mollato l’università, aveva mollato lo sport: era in una fase della vita in cui stava rinunciando a tutto.

Quando parlo di rinuncia, non intendo dire l’aver lasciato qualcosa per fare qualcos’altro, scegliendo quindi di concentrare i propri sforzi in un’unica direzione, per perseguire uno specifico scopo.

Qui la rinuncia, purtroppo, ha un altro valore e significato.

Ogni rinuncia porta con sé un fallimento, una disfatta che si somma ad ogni altra rinuncia-fallimento, in un cumulo che diventa così enorme e pesante da determinare la paralisi, cioè l’incapacità totale di prendere decisioni e/o di intraprendere qualsiasi progetto.

Ecco che la rinuncia diventa una scelta quotidiana che esclude qualsiasi possibilità, incastrandoci in una non-vita.

Non è da prendere sottogamba quando un figlio rinuncia troppo spesso, decidendo di non fare qualcosa.

Non bisogna sottovalutare tutte le rinunce quotidiane che volontariamente o involontariamente facciamo, perché questo può portare a un profondo senso di tristezza e di vuoto che rischia di sfociare in veri e propri stati depressivi.

La rinuncia è un veleno che abbassa l’autostima, un pilastro fondamentale della nostra esistenza, fondamento del nostro essere.

Un’autostima bassa è una condizione pervasiva, con un impatto significativo su tutte le sfere della nostra vita.

Se non ho piena fiducia in me stesso e nelle mie capacità, non riuscirò a rifiutare quel posto di lavoro sottopagato, che mi fa sentire frustrato perché non mi apprezzano.

Se non credo di meritare di meglio, non potrò uscire da quella relazione in cui vengo dato per scontato.

Immagine di freepik

Come liberarsi della paura di fallire

    Il primo passo per uscire da questa condizione paralizzante è accorgersi se la paura di non riuscire ci sta spingendo a rinunciare sempre.

    Per capirlo, ti suggerisco di svolgere lo stesso esercizio che ho dato ad Antonio nel corso della nostra prima seduta di psicoterapia.

    Prendi un foglio bianco e scrivi tutte le cose a cui hai rinunciato nell’ultimo periodo.

    Ricordo che mentre scriveva, Antonio si è commosso perché, man mano che elencava le cose che aveva messo da parte, si rendeva conto che ciò che lo aveva portato da me non era soltanto la rinuncia alla facoltà di Ingegneria.

    Dietro c’erano molto altre rinunce che, alla fine, lo avrebbero portato ad autoescludersi dal mondo e quindi al ritiro sociale, all’appiattimento emotivo.

    Dunque, prendere consapevolezza è fondamentale per poter intervenire.

    Ma qual è la cura?

    La cura migliore per questa condizione di rinuncia costante è il fare.

    A parer mio, più che seguire un approccio filosofico, rifacendoci a teorie e concetti astratti, dovremmo seguire un approccio neuroscientifico, partendo dal funzionamento della mente.

    Quindi quello che propongo in questi casi è un intervento terapeutico basato su veri e propri protocolli che hanno lo scopo di portare all’azione, di sbloccare il paziente.

    In generale, infatti, credo che una psicoterapia efficace possa raggiungere dei risultati in tempi ragionevoli nel momento in cui si passa all’azione, poiché il problema si mantiene sulla base di quello che decidiamo di fare nel qui e ora.

    Superare la paura di fallire con la psicoterapia – Psicologo psicoterapeuta Roma EUR e online

    Se ti ritrovi nelle parole di questo articolo, probabilmente hai bisogno di un supporto qualificato per smettere di rinunciare per paura di fallire e superare blocco in cui ti trovi. Se vuoi iniziare un percorso insieme, puoi prendere un appuntamento contattandomi al numero 3464168349 con un messaggio whatsapp.

    Sarà mia cura ricontattarti al più presto per concordare un primo incontro in cui cominceremo a lavorare sul problema per arrivare il più rapidamente possibile a una soluzione.

    Nel caso in cui preferissi contattarmi via email, puoi farlo compilando il form qui sotto. Consiglio di lasciare un recapito telefonico per essere ricontattati al più presto.

    Assicurati di inserire una email che leggi regolarmente
    Lasciami le tue riflessioni o domande e risponderò prima possibile

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *